landscape transformed

landscape transformed
PAOLO CALZA PIERO CAVAGNA GIULIO MALFER FLORIANO MENAPACE MATTEO RENSI PAOLO SANDRI GIANNI ZOTTA


Il 4 aprile alle ore 18.00 è stata inaugurata la mostra fotografica, proposta da Italia Nostra, ‘Paesaggio trentino trasformato’. Un lavoro di immagini di sette fotografi che hanno fermato nello loro fotografie la realtà paesaggistica trentina fuori dalle logiche di marketing turistico.


Il motivo di questa mostra
Cinquant’anni fa si chiamava territorio, era lo spazio astratto della pianificazione socio-economica. Quando ci si accorse che non poteva sostenere qualsiasi attività, si cominciò a parlare di ambiente. Infine, dopo che la dispersione urbana ha cancellato l’ordinato assetto in cui città, campagna e natura si erano composte nei secoli, si è riscoperto il paesaggio.
Siamo passati velocemente da un paesaggio coerente a un paesaggio troppo spesso informe, illeggibile, inguardabile. Il prodotto di un’urbanistica cieca ed episodica, di un’edilizia incolta e autoreferenziale. La ricomposizione paesaggistica che ci attende è immane. Cominciamo almeno con l’arrestare l’erosione del paesaggio e fermiamoci un attimo a riflettere, a ripensare davanti a queste quarantanove immagini.

Sette immagini per sette fotografi
Questa mostra è il frutto della collaborazione di sette fotografi trentini cui è stata lasciata piena libertà nella scelta dei soggetti. Non è un catalogo esaustivo e nemmeno un’antologia ragionata. Queste immagini offrono punti di vista insoliti, propongono luoghi e temi esemplari, ci inducono a meditare su quanto abbiamo fatto, a interrogarci su cosa si dovrebbe fare.
Ne esce un panorama frammentario che reclama maggior cura del paesaggio in ogni sua componente, maggiore attenzione alle relazioni tra insediamenti, infrastrutture, terreni agricoli, ambiti naturali. Cure e attenzioni che competono a ciascuno di noi: i fotografi hanno dato il loro contributo, si spera sia d’esempio. Italia Nostra Trentina